Quando i cartoni animati possono aiutare mamma e papà.

 In Crescita, Maternità e Lavoro

Buffi, colorati, divertenti: sono i personaggi dei serie televisive e film d’animazione che appassionano i bambini. Ma le loro storie possono aiutare mamma e papà ad affrontare le sfide della crescita.

Ce ne sarebbero molti….ma tutti almeno una volta ci siamo imbattuti in almeno un paio di questi… o lo faremo, prima o poi.

Una porcellina che adora saltare nelle pozzanghere e va a scuola con i suoi amici pecora, coniglio, elefantino e pony; una bimba pestifera che vive da sola nel bosco con un grande orso tenerone, questi e molti altri sono i personaggi che popolano i cartoni in tv più amati dai piccoli e che ormai inseguono mamma e papà ovunque…..dal cinema alle magliette, passando per gli addobbi delle feste di compleanno!

Eppure ce lo chiediamo di continuo: “ma cosa ci troverai mai in questi cartoni qua?” e soprattutto cerchiamo di interpretare quali messaggi trasmettano ai nostri piccoli, e il più delle volte non ne veniamo a capo.

Vediamo insieme quelli più gettonati:

  • PEPPA PIG: piccoli allo specchio

Peppa e George, Rebecca Coniglio e Pedro Pny…sono i nostri bambini. Il cartone racconta le storie della loro quotidianità, la scuola, il pomeriggio al parco giochi, le visite a casa dei nonni, le feste di compleanno… è per questo che raccoglie tanti consensi tra i bimbi. I piccoli si identificano nei protagonisti e, attraverso la narrazione, trasformano la loro normalità in qualcosa di eccezionale, perchè lo hanno visto fare in tv! Il mondo di Peppa è rassicurante in fondo: ci sono mamma e papà, i luoghi in cui si svolgono le storie sono sempre gli stessi, i personaggi sono positivi, l’atmosfera è gioiosa e protettiva. Allo stesso tempo c’è da dire che che si tratta di una famiglia poco realistica, un modello ideale in cui i genitori sono affettuosi e presenti senza essere invadenti, collaborano e vanno sempre d’accordo, fanno rispettare le regole senza alzare la voce e i figli non fanno mai capricci esagerati…dunque, volgiamo questo aspetto a nostro favore: guardiamo il cartone insieme ai piccoli e evidenziamo esempi di comportamento che possiamo proporre ai bambini o che possiamo noi impegnarci a perseguire in prima persona.Le avventure di Peppa e dei suoi amici possono suggerirgli nuove strategie per risolvere i problemi di tutti i giorni. Una lite con l’amichetta del cuore o la paura del dentista sono esperienze comuni per i bambini, vedere in che modo i protagonisti del cartone affrontano e risolvono queste situazioni può suggerire ai piccoli una varietà di approcci differenti.

  • MASHA E ORSO:serve una guida nel bosco

La fiaba russa da cui prende spunto la serie animata parla di una bambina perduta nel bosco, che si imbatte in un grosso orso che la tiene prigioniera e minaccia di mangiarla. C’è una bella differenza con i protagonisti del cartone, in cui la piccola incontenibile Masha escogita ogni giorno nuove trovate e mette alla prova la pazienza del povero Orso, un vice-papà premuroso e protettivo. Il bosco di Masha è uno scenario ambivalente, perchè da una parte richiama alla mente l’idea dell’ignoto e del pericolo, come nella fiaba di Cappuccetto Rosso. Stimola il desiderio di esplorazione, ma fa un po’ paura. D’altra parte, la presenza rassicurante di Orso, l’adulto di riferimento, lo trasforma in un ambiente familiare e sicuro. È facile per i bambini proiettare nel bosco il proprio scenario interiore, fatto di emozioni talvolta difficili da controllare. Compito dell’adulto è aiutare il piccolo a orientarsi, ad accettare anche le proprie pulsioni meno gradevoli, come la rabbia, e imparare a modularle. Nel personaggio di Orso si identificano tanti genitori, che ogni giorno fanno gli equilibristi, cercando di vivere la propria quotidianità, mentre accudiscono i figli. Può essere utile guardare Masha e Orso insieme per fa notare ai piccoli quanto Orso si stanco, a volte, e abbia bisogno di riposare; è un modo per i genitori di sensibilizzare i piccoli al rispetto delle esigenze degli altri, in particolare di chi si occupa di loro ogni giorno.

E allora, cosa ne pensate? Li avevate mai guardati secondo questa prospettiva? Provate a farlo oggi stesso, se potete, e fatemi sapere con i vostri commenti cosa ne è emerso.

Buona visione!

Lascia un Commento